Home
  • Home
  • Articoli
  • Investimenti in azioni A, sempre più apprezzati dai capitali internazionali

Investimenti in azioni A, sempre più apprezzati dai capitali internazionali

23 Settembre 2019 Articoli


Lunedì 23 settembre, è ufficialmente entrata in vigore la decisione degli indici S&P Dow Jones di mettere le azioni A della Cina nell’indice S&P Emerging Markets Global Benchmark; allo stesso tempo, l’FTSE Russell ha aumentato il suo fattore d’inclusione delle azioni A dal 5% al 15%, così come ha fatto MSCI, che ha aumentato il suo fattore dal 10% al 15%. A questo punto, tutte e tre le principali società di indici internazionali hanno accettato le azioni A cinesi, il che dimostra che l’attrattiva del mercato dei capitali e dell’economia cinese continua ad aumentare. Gli investimenti in azioni A sono sempre più apprezzati dai capitali internazionali.
Dietro le tre principali società di indici internazionali ci sono investitori che gestiscono circa 40 trilioni di dollari in attività finanziarie globali, che hanno un urgente bisogno di investire. Secondo le stime istituzionali, l’accettazione delle azioni A da parte di S&P Dow Jones, e l’aumento del fattore d’inclusione delle azioni di FTSE Russell, potrebbero attirare un afflusso di capitali esteri di oltre 100 miliardi di yuan per le azioni A.
La ragione principale per cui il mercato dei capitali cinesi è visto di buon occhio dai capitali internazionali è perché nell’attuale contesto di allentamento della politica monetaria nelle economie sviluppate come gli Stati Uniti e l’Europa, la Cina rimane l’unico Paese in cui la politica monetaria rimane normale. La valutazione dello yuan è ancora bassa, il che rende la valuta cinese più stabile. La Cina potrebbe quindi presto diventare un “luogo dove si concentrano” i capitali globali. Attualmente, la valutazione delle azioni A cinesi è al suo minimo storico, il che rappresenta un’ulteriore attrattiva per gli investitori internazionali.
Allo stesso tempo, la Cina continua a promuovere la riforma del mercato dei capitali, ha scelto la riforma scientifica e tecnologica come punto di svolta, rafforzando anche la progettazione di alto livello del mercato dei capitali, avvicinandosi ulteriormente in questo modo agli standard internazionali. Tutto ciò fa capire ai capitali internazionali che il futuro del mercato dei capitali cinese sarà luminoso.
Attualmente, il protezionismo e l’unilateralismo sono in ascesa, e l’economia mondiale sta affrontando una pressione al ribasso. In questo contesto, i capitali internazionali sono ottimisti nei confronti delle azioni A cinesi, il che riflette le loro aspettative nei confronti dell’economia cinese. Nella prima metà di quest’anno, il tasso di crescita dell’economia cinese ha raggiunto il 6,3%, uno dei più alti tra le principali economie mondiali. Sia la struttura industriale che quella della domanda della Cina hanno continuato a mostrare una tendenza al rialzo.
Inoltre, quello che rappresenta una grande opportunità per gli investitori stranieri è che la Cina promuove continuamente l’apertura finanziaria con una serie di misure per accelerare l’apertura ad alto livello del mercato dei capitali, e continua a migliorare anche il livello di internazionalizzazione e la capacità di servizio del mercato dei capitali, creando un migliore spazio di sviluppo per i capitali internazionali.
Di fronte alla maggiore incertezza dell’economia globale, il mercato dei capitali cinese ha confermato la sua forte capacità di attrazione, la propria resilienza, oltre che la vitalità e il potenziale dell’economia cinese, creando inoltre stabilità per i mercati dei capitali globali e per l’economia mondiale in generale.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *