Home
  • Home
  • News
  • Orient Express
  • Economia cinese continua a rimanere stabile con una costante tendenza al miglioramento, nonostante il contesto internazionale sfavorevole

Economia cinese continua a rimanere stabile con una costante tendenza al miglioramento, nonostante il contesto internazionale sfavorevole

15 Luglio 2019 News Orient Express


Lunedì 15 luglio l’ Ufficio nazionale di statistica della Repubblica Popolare Cinese ha reso noto che nella prima metà del 2019 il PIL della Cina (calcolato senza tenere conto delle variazioni dei prezzi) ha raggiunto i 45.090 miliardi di RMB, registrando una crescita su base annua del 6.3%. Nel contesto attuale che vede l’economia mondiale doversi confrontare con l’unilateralismo e il protezionismo, l’economia cinese, seppur con fatica, è rimasta generalmente stabile, con una costante tendenza al miglioramento: ciò dimostra che il valore della crescita economica cinese è ancora più alto.

Sebbene il tasso di crescita al 6,3% del primo semestre di quest’anno sia più basso rispetto al tasso di crescita al 6,4% del primo trimestre, va ricordato che questo risultato è stato raggiunto in un contesto caratterizzato dal rallentamento generale della crescita economica mondiale. Inoltre, questo tasso di crescita si trova ancora nell’intervallo di crescita economica fissato dal governo cinese per l’intero anno tra il 6 e il 6,5%, ed è in linea con le aspettative sulla transizione dell’economia cinese da una crescita ad alta velocità a uno sviluppo di alta qualità. Al contempo, anche altri importanti indicatori macroeconomici, come occupazione, prezzi e redditi, si collocano in un intervallo ragionevole.

Secondo diverse stime delle organizzazioni internazionali, il tasso di crescita della Cina al 6,3% nel primo semestre del 2019 sarà ancora uno dei più alti tra le principali economie del mondo. Attualmente, la Cina contribuisce per il 30% alla crescita economica mondiale e in futuro rimarrà ancora un potente motore della crescita economica globale.

Cosa ancora più importante, nella prima metà dell’anno la struttura economica della Cina ha presentato caratteristiche evidenti che confermano il suo continuo miglioramento. Dal punto di vista della struttura industriale, il valore aggiunto del settore terziario ha rappresentato il 54,9% del PIL, con un incremento su base annua di 0,5 punti percentuali. Per quanto riguarda la domanda, i consumi hanno contribuito alla crescita economica per il 60,1%. Da un’ottica regionale, il tasso di crescita degli investimenti in asset fissi nelle regioni centrali e occidentali è risultato più veloce di quello nelle regioni orientali della Cina. Al contempo, il consumo di energia per ogni 10 mila yuan del PIL è sceso al 2,7%, a dimostrazione del fatto che lo sviluppo “green” continua a progredire. Tutte queste cifre dimostrano che la dinamicità e la qualità della crescita sono ancora maggiori.

Nel complicato contesto internazionale, la continua crescita qualitativa dell’economia cinese sarebbe stata impossibile senza l’impegno comune di governo e imprese. Da un lato, il governo cinese continua ad attuare una politica finanziaria attiva e una politica monetaria prudente, cosa che ha permesso all’economia cinese di tenersi sempre entro un intervallo ragionevole.

Dall’altro, le imprese statali hanno compiuto passi cruciali nelle riforme della mercatizzazione, con sempre più aziende private che operano nei nuovi settori economici. Al contempo, anche le imprese straniere hanno ampiamente riconosciuto la serie di misure di apertura adottate da Beijing. Nel primo semestre del 2019, i capitali esteri assorbiti dalla Cina hanno visto una crescita del 7,2%, a dimostrazione della piena fiducia accordata dalla comunità internazionale all’economia cinese.

Quest’anno ricorre il 70esimo anniversario della fondazione della Nuova Cina. Il 2019, inoltre, è un anno cruciale per l’edificazione di una società moderatamente prospera, obiettivo, questo, fissato dal PCC. Nelle prospettive di un rallentamento generale della crescita economica globale, nel primo semestre del 2019 l’economia cinese ha registrato una performance soddisfacente, un risultato non affatto facile. Ciò dimostra la sua forte duttilità e resistenza. Pertanto, la Cina ha tutte le capacità di realizzare come previsto in agenda gli obiettivi di crescita per l’anno in corso, e il mondo ha tutti i motivi per avere fiducia nell’economia cinese.

1


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *