Home

Cina, grande prosperità delle relazioni sino-europee

9 Luglio 2019 News Orient Express


Domenica 7 luglio, il capo di Stato cinese Xi Jinping ha inviato un messaggio di auguri a Charles Michel per la sua nomina a presidente del Consiglio Europeo. Xi Jinping ha affermato che la Cina sostiene l’Europa nello svolgimento di un ruolo più rilevante negli affari internazionali ed é pronta a collaborare con il presidente Michel per promuovere un partenariato civile, di pace, di crescita e di riforma tra Cina ed Europa. Ciò evidenzia la positiva volontà di promuovere la cooperazione sino-europea.

Questo è l’anno del cambio delle cariche dufficio dei leader politici europei. Al termine delle elezioni del Parlamento europeo tenute a maggio, la struttura della leadership dell’UE per i prossimi cinque anni ha sostanzialmente preso forma, con Germania e Francia quali principali “vincitori”.

LEuropa si trova attualmente ad affrontare molte sfide nel suo percorso di sviluppo. Da un lato, la crisi dei rifugiati non è stata regolare, le forze politiche populiste sono generalmente aumentate e non si é trovata una soluzione per la “Brexit” britannica, mentre dallaltro l’Europa sta subendo una pressione al ribasso economico, l’innovazione tecnologica e la competitività industriale sono diminuite e le dispute commerciali tra Europa e Usa rimangono in stallo.

In questo contesto, consolidare e rafforzare la cooperazione con la Cina sarà indubbiamente una delle direzioni diplomatiche più importanti dell’UE. La comunità internazionale ha motivi per poter nutrire aspettative più ottimistiche sulla futura tendenza delle relazioni Cina-UE. In effetti, le prospettive ottimistiche sulle relazioni Cina-UE si basano sulle reali fondamenta di espansione degli interessi reciproci di entrambe le parti. Questa primavera, il presidente cinese Xi Jinping e il premier cinese Li Keqiang hanno visitato in successione l’Europa e le relazioni Cina-UE hanno inaugurato un “momento clou”. Durante la 21a riunione dei leader UE-Cina tenutasi lo scorso aprile, Cina e UE hanno ribadito che la promozione nei quattro partenariati tra Cina e UE su pace, crescita economica, riforma e civiltà hanno ottenuto progressi e che le due parti stanno pianificando congiuntamente l’agenda di cooperazione dopo il 2020. In questo senso, il cambiamento della leadership dell’UE non influirà solo sulla direzione generale della cooperazione Cina-UE, ma potrebbe ancheapportare nuova energia alla cooperazione bilaterale.

Nello specifico, in termini di salvaguardia della pace, tra Cina e UE esistono esigenze comuni. Quali due maggiori potenze di multipolarizzazione mondiale, di fronte alla crescente tendenza all’unilateralismo e all’egemonismo, Cina e UE sostengono la salvaguardia di un sistema internazionale incentrato sulle Nazioni Unite.

Nell’ambito della crescita economica e della riforma, al momento attuale gli interessi di Cina ed Europa sonoprofondamente intrecciati. L’UE è stata il principale partner commerciale della Cina per gli ultimi 15 anni, mentre la Cina è il secondo partner commerciale dell’UE. Di fronte alle frizioni commerciali provocate su scala globale dagli Stati Uniti, è necessario che Cina ed Europa collaborino per difendere il multilateralismo e un ordine di libero scambio basato sulle regole.

Inoltre, le parti hanno raggiunto un importante consenso nei settori di innovazione tecnologica, acquisti pubblici e questioni relative ai prodotti agricoli ed hanno dato disponibilità a rafforzare il dialogo sulla questione della riforma dell’OMC.

Al vertice del G20 di Osaka, il leader cinese ha annunciato le cinque importanti misure per accelerare l’apertura all’estero. Ci si può aspettare che gli sforzi della Cina nel ridurre l’elenco negativo degli investimenti esteri, continuare a ottimizzare l’ambiente commerciale e proteggere i diritti di proprietà intellettuale apportinomaggiori opportunità alle aziende europee. Per quanto riguarda l’Europa, è necessario gestire correttamente il rapporto tra cooperazione e concorrenza con la Cina, al fine di risolvere adeguatamente le divergenze e creare un ambiente non discriminatorio e affinché le imprese cinesi possano investire in Europa.

Al momento il mondo sta attraversando mutamenti mai vissuti negli ultimi cento anni. e la convergenza di interessi tra Cina ed Europa è in aumento. La Cina intende lavorare con i nuovi leader europei per portare a un nuovo livello nei prossimi cinque anni il partenariato strategico globale tra Cina e UE. Espandere la cooperazione di reciproco vantaggio tra Cina e UE non solo corrisponde agli interessi di entrambe le parti, ma favorisce anche la pace e prosperità mondiali.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *