Home

Il premio a Jimmy Carter dà una stangata alle parole di rottura fra Cina e Usa

13 Giugno 2019 News Orient Express


La sera del 12 giugno la George H. W. Foundation for US-China Relations ha conferito il premio di Statesmanship all’ex-presidente Usa Jimmy Carter, premiandolo per il suocontributo allo sviluppo delle relazioni fra Cina e Stati Uniti.

Nell’attuale contesto caratterizzatodall’escalation delle frizioni commerciali fra Washington e Beijing, con le relazioni bilateraliche tendono a irrigidirsi, la premiazione di un ex-presidente del Partito Democratico con unpremio intitolato a un ex-presidente del Partito Repubblicano assume un significato straordinario. Ciò dimostra che per quanto riguarda la volontà di salvaguardare le relazioni e l’amicizia tra Cina e Stati Uniti, la lungimiranza di molte élite politiche americane ha già superato gli interessi ristretti dei partiti. La premiazione di Jimmy Carter, un attivo costruttore delle relazioni sino-statunitensi, ha risposto energicamente alla cosiddetta teoria della rottura” fra Cina e Usa.

Nell’attuale scenario mondiale di grandi cambiamenti epocali, il futuro delle relazioni sino-americane non deve essere disturbato dalle interferenze all’interno degli Usa. Proprio come ha detto Jimmy Carter, gli Stati Uniti e la Cina hanno una cultura, una storia, forme di governo, interessi e livelli di sviluppo molto diversi, ma credevamo anche che gli obiettivi che ci univano, cioè il rispetto reciproco, la ricerca della pace, della prosperità e del progresso, fossero molto più importanti delle differenze che ci separavano.

La voce razionale di questi uomini di Stato americani dovrebbe diventare la voce dominanteall’interno degli Stati Uniti nella gestione dei rapporti con la Cina.

We knew that the U.S. and China had vastly different cultures, histories, forms of government, interests, and levels of development. But we also believed that the goals that bound us together – mutual respect, the pursuit of peace, prosperity, and progress – were much more important than the differences that divided us.

One of my dreams for our world is that these two powerful giants will continue working toward a full partnership and friendship that will bring peace and prosperity to people everywhere.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *