Home

Il cosiddetto “furto” appare solamente come un autoinganno donchisciottesco

15 Maggio 2019 News Orient Express


Recentemente, alcuni politici statunitensi hanno paragonato il loro Paese ad un “porcellino salvadanaio”, da cui tutti i Paesi – compresa la Cina – sottraggono denaro. Questo tipo di discorso manca delle conoscenze economiche di base e rappresenta un vero e proprio autoinganno donchisciottesco.

Nel corso degli anni, Cina e USA, attraverso il commercio dalla complementarietà dei rispettivi punti di forza hanno promosso lo sviluppo economico insieme all’aggiornamento del proprio tessuto industriale, ottenendo entrambi enormi benefici.

Purtroppo gli Stati Uniti hanno in seguito ignorato questa realtà, lanciando accuse infondate contro la Cina per aver “rubato” tecnologie, posti di lavoro e denaro agli Stati Uniti. In questo modo gli Usa hanno tentato di demonizzare la Cina e di giustificare l’uso del “bastone” delle tariffe doganali.

In ogni caso è fondamentale ricordare che ripetere mille volte una bugia non farà di essa una verità. I dati hanno mostrato che nel corso degli anni gli Stati Uniti hanno guadagnato enormi profitti dal mercato cinese. Al momento, le imprese a capitali americani hanno realizzato un fatturato annuo di 700 miliardi di dollari in Cina con profitto per oltre 50 miliardi di dollari. Nel campo del commercio, dei trasporti, della proprietà intellettuale, delle assicurazioni e di altri servizi commerciali in Cina, gli Stati Uniti hanno un grande surplus commerciale.

I grandi risultati ottenuti dalla Cina nel corso di 40 anni di riforma e apertura non sono stati rubati, né donati da altri, ma sono stati raggiunti grazie allo spirito creativo, alla lotta, all’unità e al sogno del popolo cinese, insieme alla determinazione e al coraggio con cui il Paese ha portato avanti il suo progetto di riforma. La teoria americana del cosiddetto “furto cinese” non può ingannare il mondo né può fermare il ritmo di sviluppo della Cina. Una Cina più aperta continuerà a fare quello che deve, al proprio ritmo.

 


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *