Home

Cina: la Greater Bay Area nuovo motore per la Cina e per il mondo

19 Febbraio 2019 News Orient Express


Lunedì 18 febbraio il governo cinese ha pubblicato il Piano di sviluppo dell’Area Guandong-Hong Kong-Macao. Il Piano illustra chiaramente al mondo la roadmap e il piano di alto livello per la costruzione in futuro di una Bay Area di prim’ordine nel mondo e di un agglomerato urbano di livello internazionale. Rispetto alle Bay Area di tutto il mondo, l’Area Guangdong-Hong Kong-Macao vanta condizioni uniche. Per questo, si è deciso di continuare ad attenersi allo spirito dell’“avere il coraggio di essere i primi” nel processo di apertura e riforma del Paese, facendo diventare quest’area una nuova coordinata per lo sviluppo di alta qualità della Cina.

Il nuovo Piano di sviluppo stabilisce chiaramente il seguente obiettivo: l’Area Guandong-Hong Kong-Macao dovrà diventare un agglomerato urbano dinamico di livello internazionale, un centro internazionale per l’innovazione scientifica e tecnologica capace di esercitare influenza nel mondo, un importante sostegno per l’iniziativa “Belt and Road”, una zona pilota per la cooperazione approfondita tra l’entroterra cinese, Hong Kong e Macao e una regione in cui sia possibile vivere, lavorare e viaggiare con elevati standard di qualità.

La Greater Bay Area ha una superficie totale di 56 mila chilometri quadrati. Alla fine del 2017, la popolazione totale era di circa 70 milioni e la produzione economica totale ammontava a circa 10 trilioni di yuan. Sebbene la sua superficie occupi solo lo 0,6% del territorio cinese, e la sua popolazione sia inferiore al 5% della popolazione totale, la sua economia contribuisce per oltre il 12% al PIL del Paese. La Greater Bay Area è una delle regioni che vanta il più alto grado di apertura e la più forte vitalità economica della Cina.

Rispetto alle tre Bay Area del mondo già pienamente mature, ossia la Bay Area finanziaria di New York, la Bay Area tecnologica di San Francisco e la Bay Area industriale di Tokyo, la Greater Bay Area è stata appena concepita, ma ciononostante vanta delle condizioni di favore. Secondo il “Big Bay Area Impact Report (2018): New York, San Francisco, Tokyo, e Guangdong-Hong Kong-Macao”, pubblicato dall’Accademia cinese delle scienze sociali, l’indice di influenza generale della Greater Bay Area è in terza posizione, mentre la sua influenza economica è in testa al gruppo delle quattro grandi baie. Negli ultimi anni, inoltre, il tasso di crescita della Greater Bay Area è stato due volte superiore a quello registrato dalle altre tre baie.

Il volume dell’import-export nell’Area Guangdong-Hong Kong-Macao è tre volte superiore a quello della Bay Area di Tokyo, mentre la capacità di smaltimento container dei porti nella regione supera di 4,5 volte quella delle tre grandi baie del mondo. Inoltre, la Greater Bay Area vanta delle condizioni peculiari: è composta, infatti, da nove città della provincia del Guangdong e dalle due regioni amministrative speciali di Hong Kong e Macao. Il modello “Un Paese, due sistemi, tre zone doganali e tre valute” è estremamente raro.

Rispetto alle tre grandi Bay Area del mondo che si sono sviluppate nel corso di decenni o addirittura in più di cento anni, l’Area Guangdong-Hong Kong-Macao possiede ancora enormi margini di sviluppo. Secondo il “Big Bay Area Impact Report (2018)”, il PIL pro capite, il PIL per chilometro quadrato, la porzione occupata dal settore terziario e l’ambiente commerciale nell’Area Guandong-Hong Kong-Macao sono molto al di sotto di quelli riscontrabili nelle altre tre principali Bay Area; anche il suo indice di base sull’innovazione e l’indice sulla capacità innovativa sono in ultima posizione. Ciò dimostra che esiste ancora un certo divario tra la Greater Bay Area e le baie dei Paesi sviluppati sia sul piano della qualità generale dello sviluppo che in termini del livello di innovazione raggiunto. Inoltre, ci sono ancora contraddizioni e problemi come la sovracapacità produttiva, il disallineamento tra domanda e offerta e lo sviluppo squilibrato, e c’è la necessità di rafforzare il coordinamento e l’inclusività.

Per accorciare la distanza tra la Greater Bay Area e le tre grandi baie del mondo, il nuovo Piano di sviluppo dell’Area Guandong-Hong Kong-Macao presenta sei principi fondamentali che regolano lo sviluppo, ossia: spinta innovatrice e guida delle riforme; sviluppo coordinato e pianificazione globale, sviluppo ecologico e protezione dell’ambiente naturale; cooperazione aperta, mutuo vantaggio e win-win; condivisione dello sviluppo e miglioramento della vita dei cittadini; “Un Paese, due sistemi” e gestione degli affari secondo la legge. Si può vedere che il futuro sviluppo della Greater Bay Area percorrerà inevitabilmente la strada dell’innovazione, dell’ampia riforma e della maggiore apertura.

Il Piano prevede che nel futuro sviluppo dell’Area ci siano almeno 6 nuove grandi idee: occorrerà quindi favorire l’innovazione in campo tecnico-scientifico, finanziario, istituzionale, industriale, e nell’ambito dei talenti e della governance.

Lo sviluppo della Greater Bay Area è il progetto di punta che permetterà di portare fino in fondo la politica di riforma e apertura. In un contesto caratterizzato da un aumento di incertezze nell’economia mondiale e dalla crescente tendenza al protezionismo, la costruzione dell’Area Guangdong-Hong Kong-Macao da parte della Cina darà senza dubbio nuovo impulso all’economia cinese e a quella mondiale.

 


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *