Home

Xi Jinping, il grande amico dei giovani

8 Febbraio 2019 News Orient Express


Secondo molti bambini il presidente cinese Xi Jinping è il “grande amico” dei giovani. Già molte volte e in diversi luoghi il capo di Stato cinese ha affermato di avere molto a cuore la crescita e l’educazione dei più giovani, nei confronti dei quali nutre molte aspettative. Un giorno, durante una visita alla sua alma mater, Xi Jinping disse che ai tempi in cui studiava in quel luogo non c’erano leader ma solo studenti. In quell’occasione il presidente mostrò rispetto e gratitudine per gli anni trascorsi lì e pronunciò parole di incoraggiamento dirette agli insegnanti, definendoli una “forza di straordinaria importanza” per promuovere l’istruzione in Cina.

Oggi vi proporremo un nuovo capitolo della serie speciale “Storia della vita di Xi Jinping” dal titolo “Xi Jinping, il grande amico dei giovani”.

“Come posso definirmi? Ho scelto di essere un vostro grande amico. Presto arriverà la giornata dedicata ai bambini; a nome della nostra grande amicizia e per questo giorno speciale auguro a voi ogni felicità”.

Nel 2013, alla vigilia della giornata dei bambini, il segretario generale Xi Jinping trasmise i suoi auguri a tutti i bambini e giovani della Cina. L’infanzia è il periodo più prezioso della vita e in quell’occasione il presidente condivise con i ragazzi presenti il significato di alcune sue esperienze fatte negli anni della gioventù.

Dal XVIII Congresso nazionale del PCC e in diverse occasioni – al palazzo dei giovani, al Palazzo dell’Assemblea del Popolo, alle case per il benessere dei bambini e presso i siti di reinsediamento nelle aree colpite dal terremoto – Xi Jinping ha trascorso la giornata dei bambini insieme ai suoi giovani amici e questo fatto è entrato a far parte dei ricordi preziosi di tutti i bambini e giovani della Cina. Sono stati momenti di grande intensità, durante i quali il leader supremo del Paese ha trasmesso le sue grandi speranze alle nuove generazioni.

“I giovani sono molto importanti e voi dovete impegnarvi, fin dalla tenera età. Il progresso della nazione dipende dalla forza delle generazioni che si susseguono una dopo l’altra. Se voi sarete capaci di superare quanto fatto dalla precedente generazione, il nostro Paese potrà diventare ogni giorno più forte. Bambini, datevi da fare!”

Quello dell’insegante è il lavoro che più di tutti merita rispetto. Alla vigilia della giornata degli insegnanti, il presidente cinese Xi Jinping, è tornato alla “Beijing Bayi School”, dove ha trascorso il periodo delle scuole elementari e delle medie. Durante la sua visita di ispezione, ha stretto la mano a Chen Qiuying e ad atri insegnanti, ricordando con gioia i tempi passati.

Oggi ho di nuovo fatto visita al campus e ho percepito una sensazione di dolcezza farsi strada nel mio cuore. Sono venuto alla ricerca di vecchi luoghi e di ricordi, e ora il campus è molto cambiato. Sento la mancanza degli anni della scuola, delle lezioni degli insegnanti, dello spirito e dell’etica scolastica. Ovunque io sia andato i ricordi della mia scuola mi hanno sempre accompagnato e con essi rimango sempre in contatto.

Il tempo è passato ma i sentimenti profondi che legano studenti e insegnanti non cambieranno. Agli occhi di Xi Jinping, “l’educazione è alla base di tutti gli affari nazionali”. In questo senso gli inseganti rappresentano la base dell’educazione; hanno la responsabilità di far crescere i bambini in modo sano e di educarli correttamente”. Dal XVIII Congresso nazionale del PCC, ogni parola e ogni azione di Xi Jinping in tutti i suoi messaggi, colloqui e viaggi di ispezione, hanno mostrato incoraggiamento e speranza nei confronti di chi contribuisce in modo così importante alla realizzazione del Sogno cinese.

Un buon insegnante è una benedizione per uno studente e gloria per la scuola dove svolge la sua professione; inoltre il continuo emergere di buoni insegnanti è speranza per un Paese. Il compito degli insegnanti è quello di essere guida per i loro studenti, di aiutarli a temprare il carattere, ad avvicinarsi a nuove conoscenze, a stimolare il loro pensiero innovativo e a indicare la via per servire la loro Patria.

 

 


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *