Home
  • Home
  • News
  • Orient Express
  • Il Trattato di Aquisgrana riuscirà a contenere l’avanzata in Europa delle forze populiste e sovraniste?

Il Trattato di Aquisgrana riuscirà a contenere l’avanzata in Europa delle forze populiste e sovraniste?

23 Gennaio 2019 News Orient Express


Mercoledì 22 gennaio il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno firmato ad Aquisgrana, in Germania, un nuovo trattato di amicizia – il Trattato di Aquisgrana – decidendo di rafforzare lo status dei due Paesi nel processo d’integrazione europea e di assumere posizioni concordate su questioni chiave come l’economia, la diplomazia, la sicurezza e la difesa.

Il Trattato di Aquisgrana è visto come un documento elaborato da Francia e Germania per contrastare la lenta ma inesorabile espansione in Europa del sovranismo e delle forze populiste. Il successo di Francia e Germania nell’aderire all’ideale di “integrazione” e nel contenere le forze populiste e sovraniste in Europa dipenderà, però, da tre fattori.

Per prima cosa bisognerà vedere se i due paesi sapranno rimanere fedeli a quelle intenzioni originarie che li hanno spinti a stipulare il suddetto trattato. Il Trattato di Aquisgrana è considerato la nuova versione del Trattato dell’Eliseo firmato nel 1963. Gli obiettivi di questi due trattati sono fondamentalmente simili, ossia tutelare gli interessi dell’Europa e aumentare il peso politico dell’Europa negli affari internazionali. I due trattati, in un certo senso, condividono l’obiettivo strategico di contenere l’influenza degli Stati Uniti.

In secondo luogo, molto dipenderà da quanto l’ambiente generale favorirà l’attuazione del trattato. Quando è stato firmato il Trattato dell’Eliseo, nel 1963, il Regno Unito non aveva ancora aderito alla Comunità europea. All’epoca, Francia e Repubblica Federale di Germania erano i due principali promotori del processo d’integrazione europea. Tuttavia, preoccupandosi troppo di cosa pensassero gli Usa, il Parlamento federale tedesco aggiunse dei contenuti specifici riguardanti gli Usa, prima di approvare il trattato. A 56 anni di distanza, il Trattato di Aquisgrana arriva in un contesto generale ben più complesso.

Il terzo fattore da tenere in considerazione è se il trattato stimolerà effettivamente il processo d’integrazione europea o meno. Nel Trattato di Aquisgrana si possono trovare dei contenuti molto concreti. Marine Le Pen, presidente del partito francese di estrema destra Rassemblement National, ha criticato Emmanuel Macron accusandolo di aver “tradito la Francia”. Aggiungendo che non si capisce come queste misure possano favorire la costruzione di un’Europa più forte e dinamica. La principale proposta di riforma dell’Ue avanzata da Macron consiste nel formulare un bilancio unificato e stabilire una forte alleanza militare in seno all’Ue, contenuti questi che non appaiono però all’interno del Trattato di Aquisgrana.

I leader di Francia e Germania sono determinati a promuovere l’integrazione europea, ma le regole procedurali dell’Ue, dopo la sua espansione, prevedono la cosiddetta “doppia maggioranza”, ossia una risoluzione o una legge è approvata con il voto favorevole di almeno 16 Paesi membri e, allo stesso tempo, questi paesi devono rappresentare almeno il 65% della popolazione totale dell’Ue. La popolazione di Francia e Germania rappresentano complessivamente soltanto il 30% della popolazione dell’Unione. Per favorire il percorso d’integrazione europea, i due Paesi hanno bisogno del sostegno di altri Paesi membri dell’Ue.

Sebbene la sola firma del Trattato di Aquisgrana da parte di Francia e Germania non può di certo ostacolare completamente l’ondata sovranista e populista, tuttavia in un contesto in cui le forze euroscettiche guadagnano terreno e il processo d’integrazione europea si trova davanti a gravi sfide, i due Paesi stanno tentando, attraverso la firma del trattato, di creare un’atmosfera favorevole in vista delle elezioni del Parlamento europeo, che si terranno a maggio di quest’anno. Aquisgrana fu capitale dell’Impero di Carlo Magno, che è anche conosciuto come “padre dell’Europa”. Il fatto che Francia e Germania abbiano scelto di firmare proprio ad Aquisgrana un nuovo trattato di amicizia forse non è casuale, ma riveste probabilmente un significato profondo.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *