Home

Seguire un singolo progetto fino alla fine

21 Dicembre 2018 News Orient Express


In occasione delle celebrazioni per il 40esimo anniversario dell’avvio della politica di riforma e apertura, la comunità internazionale ha proposto diverse letture di cosa ha fatto la Cina negli ultimi 40 anni per compiere un “miracolo creato dall’uomo sulla terra”. Tra le conclusioni raggiunte dalla maggior parte degli analisti e dei media ci sono le seguenti: innovazione istituzionale, coraggio di mettere in pratica, auto-miglioramento, saggezza e laboriosità. Generalmente, però, tutti ignorano il fatto che la Cina assicura continuità e dispone di una formidabile forza di esecuzione che le permette di portare fino in fondo il suo progetto di sviluppo economico e sociale.

La riforma cinese ha avuto inizio dalla riforma delle aree rurali. Dal 1982 al 2018, i primi documenti dei Comitati Centrali del PCC di volta in volta al potere hanno sempre riguardato la riforma e lo sviluppo delle zone rurali. Il primo passo è stato mosso a Shenzhen, nella provincia del Guangdong: da qui è stato poi dato inizio alle riforme e all’apertura in ogni regione della Cina.

La riforma rurale e quella urbana sono due avvenimenti magnifici nel corso dei 40 anni di riforma e apertura. Il governo cinese elabora progetti per lo sviluppo nazionale e sociale con i vari “Piani quinquennali di sviluppo nazionale economico e sociale” che si susseguono ogni cinque anni.

Per qualsiasi Paese, la riforma è sempre stata una dura battaglia e ancor più una battaglia prolungata. Il percorso di sviluppo intrapreso dalla Cina è sempre stato una “corsa a staffetta” che ha offerto prevedibilità alla Cina e al mondo, diventando uno stabilizzatore della crescita economia mondiale.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *