Home
  • Home
  • News
  • Orient Express
  • Significato dell’istituzione del Tribunale per la proprietà intellettuale presso la Suprema Corte del Popolo

Significato dell’istituzione del Tribunale per la proprietà intellettuale presso la Suprema Corte del Popolo

8 Dicembre 2018 News Orient Express


Nel 2016, un’ impresa specializzata nello sviluppo e nella produzione di macchine per il conteggio e la verifica delle banconote denunciò un’altra società per violazione del proprio brevetto. All’inizio del processo, le autorità competenti prese in prestito dalle banche le attrezzature in esame, pesanti diverse tonnellate, e le posero nel cortile davanti alla corte. Per questo caso fu interpellato un gruppo di esperti capaci di di fare luce sul caso in base alla modalità di operazione delle macchine e all’osservazione dei singoli componenti disassemblati. Alla fine, la corte assolse l’azienda imputata per insufficienza di prove. Questo fu un caso di violazione della proprietà intellettuale di una tecnologia di particolare importanza.

Questo caso mostra pienamente gli aspetti di unprocesso sulla proprietà intellettuale, che significano essenzialmente “conoscenze professionali” e la loro forte connessione ad enormi interessi di mercato.

Secondo quanto riportato, negli ultimi anni i casi sulla proprietà intellettuale trattati dalle corti cinesi sono in rapida crescita, e nel 2017 la magistratura ne ha ricevuti quasi 240 mila tra quelli di prima istanza, di seconda istanza e ricorsi, con un +33,5% su base annua. Il trattamento di questi casi è direttamente collegato agli effetti dell’applicazione della legge cinese sulla tutela della proprietà intellettuale.

Durante una riunione presieduta il 3 dicembre dal presidente della Suprema Corte del Popolo, Zhou Qiang, sono stati esaminati e approvati in via di principio i Regolamenti della Suprema Corte del Popolo sulle questioni dei tribunali per laproprietà intellettuale, secondo cui, in futuro, in tutta la Cina, i casi sui brevetti caratterizzati da aspetti tecnici importanti verranno trattati unitariamente dal tribunale per la proprietà intellettuale della Suprema Corte.

In precedenza, l’Assemblea popolare nazionale aveva approvato la Decisione sulle questioni inerenti alla procedura del processo dei casi sui brevetti, secondo cui, dal prossimo primo gennaio, tutti i nuovi casi di ricorso su questioni civili e amministrative di proprietà intellettuale dopo il verdetto di prima istanza, e caratterizzati da brevetti con aspetti tecnici particolari o che hanno a che fare con nuovi tipi di piante, progetti di circuiti integrati, segreti tecnici, programmi informatici e di monopolio saranno trattati dalla Suprema Corte.

Secondo gli analisti, l’istituzione del tribunale per la proprietà intellettuale da parte della Suprema Corte, e il trattamento di una parte dei casi di seconda istanza su questioni relative ai brevetti,rappresentano una chiara dimostrazione degli sforzi compiuti dalle autorità cinesi per il perfezionamento di un sistema professionale per iltrattamento dei casi sulla proprietà intellettuale. Questo ha nuovamente mostrato alla comunità internazionale la determinazione della Cina nel rafforzare la difesa della proprietà intellettuale e consentirà di promuovere e proteggere meglio l’innovazione tecnico-scientifica.

Già nel Programma strategico statale sulla proprietà intellettuale varato nel 2008, la Cina ha avanzato chiaramente l’obiettivo di “perfezionare il regime giudiziario della proprietà intellettuale, migliorare l’equiparazione delle risorse e semplificare la procedura di salvataggio”, mentre sono state adottate due altre importanti misure: lo “studio delle modalità per l’istituzione di un tribunale apposito per i casi civili, amministrativi e penali sulla proprietà intellettuale” e la “esplorazione e creazione di una corte d’appello per le questioni relative alla proprietà intellettuale”.

In questi dieci anni, la sperimentazione che ruotaintorno al programma sopraccitato non è mai stata interrotta. Si sono svolte in continuazione discussioni sui modelli di riforma in merito all’istituzione della corte d’appello.

Di pari passo con l’avanzamento a 360° della strategia nazionale sulla promozione dello sviluppo attraverso l’innovazione, nel 2014 il comitato permanente dell’Assemblea popolare nazionale ha approvato la Decisione per istituire una corte per i casi di proprietà intellettuale a Beijing, Shanghai e Guangzhou. Di seguito, per le aree relativamente sviluppate dell’economia e della tecnologia, è stata istituita un’altra decina di tribunali simili a quellipresenti tre principali metropoli del Paese e che si occupano dei processi di prima istanza relativi a casi tecnici. Questi provvedimenti hanno portato effetti importanti che incoraggiano e tutelanol’innovazione.

Dopo il XIX Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese, il socialismo con caratteristiche cinesi è entrato in una nuova epoca nel corso della quale si è raggiunto un consenso in tutto in Paese sull’importanza di elevare la capacità di innovazione tecnologica, di rafforzare la tutela della proprietà intellettuale e di creare un buon ambiente per il commercio. In questo senso l’istituzione del tribunale per la proprietà intellettuale da parte della Suprema Corte costituisce senza dubbio un’altra svolta importantissima grazie alla quale sarà possibile stimolo e tutela l’innovazione.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *