Home

Tre punti positivi apportati dalla crescita del commercio dei servizi della Cina

10 settembre 2018 News Orient Express


Secondo gli ultimi dati pubblicati dal ministero del Commercio cinese, nei primi sette mesi di quest’anno, l’import-export dei servizi della Cina si é attestato a 2975,4 miliardi di RMB, + 9,9% su base annua, registrando così un nuovo record storico e occupando più del 15% del valore totale del commercio con l’estero (l’insieme del commercio delle merci e dei servizi). L’esportazione ha visto un aumento del 14,6% mentre l’importazione del 7,7%, il che ha ridotto il bilancio negativo di 37,1 miliardi di RMB rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Nel contesto caratterizzato da impatti protezionistici sul commercio globale, una crescita di quasi il 10% ha confermato la tendenza alla stabilità in miglioramento e in progresso del commercio dei servizi della Cina. Cosa ancora più importante è stata la continua ottimizzazione della struttura commerciale e i punti brillanti di import-export dei servizi emergenti.

In una nuova situazione quale quella attuale contrassegnata da una pressione di profondo ridimensionamento e da elementi economici insidiosi, il rapido sviluppo del commercio dei servizi, in veste di nuova forza motrice del commercio con l’estero e nuova fonte di crescita economica, riveste un significato cruciale sia per la Cina che per il mondo intero.

Innanzitutto, il settore terziario ha di per sé sempre rappresentato un aspetto arretrato della Cina con una debole capacità di esportazione. Nella prima metà di quest’anno, il bilancio negativo semestrale del commercio dei servizi della Cina ha registrato per la prima volta sin dal 2010 un restringimento, mantenendo questa tendenza positiva fino a luglio, a dimostrazione dell’esistenza di una speranza di ribaltamento per questo lungo periodo di sviluppo squilibrato. Questo risultato favorisce la capacità di resistenza ai rischi e un ulteriore elevamento del livello d’internazionalizzazione dell’industria dei servizi.

In secondo luogo, la Cina ha già formato esperienze replicabili e diffondibili nella costituzione di un sistema per la facilitazione del commercio dei servizi, che potranno essere promosse in tutto il Paese ed essere d’aiuto per continuare a espandere il commercio con l’estero.

In terzo luogo, un ulteriore salto di qualità offre un punto di appoggio per il continuo perfezionamento della struttura economica e per la realizzazione di uno sviluppo di alta qualità. Così, anche l’economia mondiale avrà modo di continuare a ricevere forza motrice dall’ampliamento dell’apertura del commercio dei servizi e dalla crescita stabile dell’economia cinese.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *