Home

La cooperazione sino-europea inietta energia positiva nell’economia mondiale

10 luglio 2018 News Orient Express


Dal 5 al 10 luglio, il premier Li Keqiang ha effettuato una visita ufficiale successivamente in Bulgaria e Germania, partecipando al settimo incontro dei leader della Cina e dei paesi dell’Europa centro-orientale a Sofia e ha presieduto il quinto turno di consultazione tra i governi di Cina e Germania a Berlino.
Sia la cooperazione “16+1” tra Cina e i paesi dell’Europa centro-orientale che le consultazioni tra Cina e Germania sono una parte importante del partenariato strategico globale tra Cina e UE. La Cina e l’Europa non sono solo le maggiori economie alle estremità dell’Eurasia, ma anche due importanti forze per la salvaguardia del multilateralismo mondiale e del sistema globale di libero scambio.
Il rafforzamento della cooperazione tra Cina e UE contribuirà a realizzare la stretta integrazione delle due principali forze, i due principali mercati e le due principali civiltà, e aiuterà le due parti a integrare le rispettive economie, a dare il proprio vantaggio e a migliorare gli standard di vita ddei popoli. Nel l’attuale contesto della prevalenza di unilateralismo, protezionismo commerciale e anti-globalizzazione economica, le preoccupazioni e gli interessi comuni della Cina e dell’UE sono diventati sempre più numerosi e la cooperazione reciprocamente vantaggiosa tra le due parti in molti campi Inietterà una forte energia positiva nell’economia mondiale minacciata dalle guerre commerciali.

Attualmente, gli attriti e i conflitti innescati dal protezionismo e dall’unilateralismo guidato dagli Stati Uniti sono ancora in corso, l’”egemonismo commerciale” degli Stati Uniti minaccia seriamente il sistema globale di libero scambio e le regole internazionali. Se questa tendenza non sarà controllata, la stabilità e la ripresa dell’economia mondiale saranno messi a repentaglio. In questo periodo critico, la Cina e l’UE dovrebbero collaborare per sostenere in modo chiaro la liberalizzazione degli scambi e l’agevolazione degli investimenti e salvaguardare congiuntamente l’economia mondiale aperta e il sistema commerciale multilaterale.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *