Home

Cina: ‘guerra commerciale danneggerà gli Usa in 5 ambiti’

8 luglio 2018 News Orient Express


Cina: ‘guerra commerciale danneggerà gli Usa in 5 ambiti’

Nessuno uscirà vincitore da una possibile guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti poiché entrambe le parti riscontreranno perdite enormi in 5 ambiti.

Questi sono i settori in cui gli Usa riscontreranno danni maggiori.

Primo, perdita dell’ampio spazio di cooperazione futura tra Cina e Usa.

Secondo, entrambe le parti saranno danneggiate dalla perdita dei grandi vantaggi portati dalla suddivisione della catena industriale a livello globale.

Terzo, il mondo perderà l’importante opportunità storica della ripresa economica. In accordo a quanto riportato dalle istituzioni competenti, se gli attriti commerciali tra Cina e Usa non saranno risolti in modo appropriato, si assisterà ad un crollo del 40% del commercio mondiale.

Quarto, l’ordine e i regolamenti internazionali creati in molti anni di lavoro perderanno efficacia con un conseguente stato di caos dell’economia mondiale.

Quinto, l’aspetto più importante, gli Usa perderanno la possibilità di enormi guadagni sul mercato cinese.

Una guerra commerciale danneggerebbe tutto il mondo, non solo Cina e Stati Uniti. Se si vorranno realmente risolvere questi problemi, gli Stati Uniti dovrebbero cambiare metodo per risolvere gli attriti commerciali. In questo caso, Cina e Usa potrebbero fare un “miracolo” che avrebbe effetti importanti in 5 ambiti.

Primo, gli Usa dovrebbero rilassare le esportazioni dei loro prodotti high-tech. Solo in questo modo la Cina potrà portare le importazioni a 100 miliardi di dollari.

Secondo, promuovere insieme l’economia digitale.

Terzo, accelerare i negoziati sul BilateralInvestment Treaty (BIT).

Quarto, rafforzare la cooperazione nel quadro dell’iniziativa “Una cintura e una via” e nei settori degli investimenti e delle infrastrutture, sviluppandosi insieme su mercati terzi sempre nell’ambito di questo progetto.

Quinto, promuovere il Free Trade Agreement (FTA) tra Cina e Usa. La possibilità di un FTA tra i due Paesi non è ancora stata discussa, e nel caso dell’avvio di un accordo bilaterale, secondo quanto affermato dell’Istituto Peterson, Cina e Stati Uniti potrebbero aumentare di 500 miliardi di dollari il volume dei loro scambi.

In questo modo, se gli Usa cambieranno idea, sarà possibile far calare facilmente il disavanzo di cui ha parlato Donald Trump grazie ad un maggiore sviluppo del commercio bilaterale.

 


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *