Home

Il discorso di inizio anno di Xi Jinping e gli impegni per il 2018

3 gennaio 2018 Orient Express


Il presidente cinese Xi Jinping domenica ha pronunciato il tradizionale discorso di buon auspicio per il nuovo anno. Per l’occasione ha salutato i successi dell’anno appena concluso e ha promesso che nel 2018 la Cina intraprenderà risolutamente la strada delle riforme.
Xi ha ricordato gli importanti anniversari caduti lo scorso anno, dal 90 ° della fondazione dell’Esercito popolare di liberazione al 20 ° del ritorno di Hong Kong alla madrepatria, e gli eventi che hanno visto il Paese al centro dell’attenzione internazionale: il Forum “Belt and Road” per la cooperazione internazionale a Pechino e il nono vertice dei BRICS a Xiamen.
Parlando del futuro il presidente cinese ha detto che il 2018 segnerà il primo anno di attuazione completa dello “spirito del 19 ° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese”, che delinea il modello di sviluppo auspicato dalla Cina nei prossimi trent’anni.  “La riforma e l’apertura sono la strada da percorrere per compiere progressi nella Cina contemporanea e realizzare il sogno cinese “, sono state le sue parole.
la Cina ha compiuto passi significativi nel processo di costruzione di una società moderatamente benestante ma c’è ancora molto da fare per ridurre la povertà. Entro il 2020 – ha promesso – tutti gli abitanti delle campagne che vivono al di sotto dell’attuale soglia di povertà ne usciranno. Sarà la prima volta in migliaia di anni di storia della Cina che la povertà estrema verrà eliminata. “È la nostra solenne promessa”, ha detto il presidente. “Restano solo tre anni al 2020. Ognuno di noi è chiamato all’azione, fare del proprio meglio, prendere misure mirate per assicurarsi una vittoria dopo l’altra”.
Nel suo discorso,  Xi ha anche affrontato le questioni internazionali. Il mondo si aspetta di sentire la posizione e l’atteggiamento della Cina sulle questioni relative alla pace e allo sviluppo e il Paese non si tirerà indietro. Come pronunciato nel discorso: “La Cina sosterrà risolutamente l’autorità e lo status delle Nazioni Unite, adempierà attivamente agli obblighi e ai doveri internazionali, rimarrà fermamente impegnata ad affrontare il cambiamento climatico, e spingerà attivamente l’Iniziativa “Belt and Road” per essere sempre un costruttore di pace mondiale, collaboratore dello sviluppo globale e custode dell’ordine internazionale”.


, , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *