On Air
Radio We - Weekend!
Home
3579749993395236593

La lotta all’inquinamento nei nuovi obiettivi cinesi

23 ottobre 2017 Orient Express


L’inquinamento è tra i temi centrali di discussione durante il 19° Congresso del Partito comunista cinese.

Durante una conferenza stampa il ministro per la Protezione ambientale Li Ganjie ha rivelato che il paese ha fissato nuovi obiettivi nella lotta contro l’inquinamento e mira ad ottenere notevoli risultati nella sua riduzione già a partire dal 2020. Inoltre il Paese intende ridurre le particelle ultrafini (particolarmente pericolose) PM2.5 a 35 microgrammi per metro cubo entro il 2035 dai 47 microgrammi al metro cubo nel 2016

Il paese nel 2013 ha lanciato una politica imponente sull’inquinamento atmosferico. Dal 2013 al 2016, la densità di PM10 in 338 città in tutto il paese monitorate dal ministero è diminuita del 15,5 per cento, con un calo della densità di PM 2.5 del 33 per cento nella regione settentrionale di Pechino. Entro il 2035, secondo le dichiarazioni di Yang, le 338 città attualmente in fase di monitoraggio dovranno raggiungere l’80 per cento dei giorni dell’anno con una buona qualità dell’aria e con bassi livelli di PM 2.5.

Le osservazioni di Li riflettono le affermazioni fatte dal presidente Xi Jinping nella relazione che ha aperto il Congresso. Xi si nel suo discorso si è impegnato ad accelerare il cammino delle riforme in tema di ecologia per costruire una “Cina bella”: meno legata ai beni materiali, ma con un ambiente pulito, aziende ad alta tecnologia e un governo responsivo.


, , , , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *