On Air
Max su Radio We - "Mad Max" Max su Radio We
Home
map-china-silk-road-624

Nuova Via della seta: Paolo Gentiloni unico leader del G7 al meeting

20 aprile 2017 Orient Express


La Cina ha annunciato l’elenco dei partecipanti al vertice “Belt and Road Forum for International Cooperation”, una conferenza internazionale sul programma “One Belt, One Road”, il piano cinese della nuova Via della seta. Tra i 28 paesi che invieranno i loro capi di governo ci sarà solo un leader del gruppo dei G7: il primo ministro italiano Paolo Gentiloni.
Il vertice si terrà il 14 e il 15 maggio a Pechino e sarà l’evento diplomatico più importante dell’anno. L’Italia è l’unico grande paese occidentale che invierà il suo capo di governo alla conferenza sul piano di sviluppo.

Il progetto è quello di rilanciare l’antica via commerciale che si estende tra Asia e Europa sfruttata per i commerci dal 100 a.C. Erano 6.000 i chilometri di strada che un tempo collegavano civiltà antiche cinesi, indiane, babiloniche, arabe, greche e romane. La strategia “One Belt, One Road”, o OBOR, ha l’obiettivo di creare una moderna cintura economica, via terra e via mare, per promuovere il commercio e ampliare l’influenza globale.

I personaggi più influenti che parteciperanno al meeting sono il presidente russo Vladimir Putin; Christine Lagarde, amministratore delegato del Fondo Monetario Internazionale; il primo ministro italiano Paolo Gentiloni e, ovviamente, il presidente cinese Xi Jinping, che inaugurerà la conferenza. Oltre ai 28 paesi partecipanti, la Cina ha anche firmato accordi d’intesa con 56 paesi per ampliare il sostegno al programma. La maggior parte dei presidenti e dei primi ministri che parteciperanno al forum vengono da paesi che hanno ricevuto, o si aspettano di ottenere, un sostegno finanziario dalla Cina.

L’annuncio degli ospiti attesi da parte del ministro degli Esteri Wang Yi arriva quando il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence riprende l’iniziativa economica “America First”. Nel proprio piano per la leadership globale, la Cina vede l’opportunità di diventare l’ alternativa all’America del Presidente Trump e in questo scenario ha rovato un pubblico ricettivo tra i leader mondiali per la sua nuova Via di seta.


, , , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *